San Michele Arcangelo

 

       Il conventino di San Michele si trovava a circa due miglia dalla Chiesa di Santa Maria delle Letizie. Era tenuto con particolare cura da questi pii frati francescani, fino al 1594, quando venne soppresso con decreto di Papa Clemente VIII, fu raso al suolo con ordinanza del Papa Innocenzo X, il 1° ottobre del 1651, per impedire ai banditi, antichi profughi scampati alle ire di Papa Paolo IV, sotto il quale fu distrutta, arata e cosparsa di sale la città di Montefortino nel 1557, di trovare rifugio  proprio all’interno del Convento. I banditi forzatamente evacuati, lasciarono all’interno del luogo tutta la loro refurtiva, frutto delle scorrerie nei luoghi vicini.  Attualmente restano ruderi ben visibili e una grotta. Nel 2002 la Confraternita Maria Ss.ma delle Grazie, chiese hai proprietari l’autorizzazione per poter organizzare il 1° Cammino Mariano, essendo  le rovine del convento sul terreno di loro proprietà, concesso il permesso, la Confraternita predispose tutte le misure per rendere visitabile il sito, effettuando lavori di pulizia e realizzando un sentiero. Il giorno 8 Settembre 2002, si e svolto il 1° Cammino Mariano delle Confraternite e dei devoti alla  Madonna delle Grazie, Il Cammino, partendo da S. Maria a raggiunto l’ex Convento di S. Michele Arcangelo, luogo ove è stata rinvenuta l’ Immagine della Madonna delle Grazie.  La partecipazione è stata considerevole più di 500 persone hanno preso parte alla manifestazione, che raggiunto l’ex convento è stata celebrata la S. Messa e dal quel momento il Cammino è stato inserito nel programma delle manifestazioni della festa del Ss.mo Nome di Maria .

   

 Torna Indietro